Antiagglomeranti e sali minerali (da E500 a E585)

di Maria Silvana Radice







Preciso che tutto quello che pubblico viene da ricerche fatte in internet, perchè io non sono un'esperta, ma solo una persona a cui piace essere informata. Declino qualunque responsabilita` in caso di inesattezze.
Le fonti da cui ho attinto sono riportate in fondo alla pagina principale.



I sali minerali e gli antiagglomeranti

Vanno da E500 a E585

Gli antiagglomeranti sono additivi utilizzati per evitare la formazione di grumi negli alimenti in polvere (agglomerazione), dovuta o all'assorbimento del vapore acqueo contenuto nell'atmosfera, o alla presenza di molecole di materia grassa che tendono a legarsi tra di loro.  Gli antiagglomeranti vengono aggiunti a diversi alimenti: sale da cucina,  latte in polvere,  lievito in polvere,  cacao, miscele per torte, formaggio grattugiato,  preparati in polvere per minestre, caffè solubile.
Alcuni antiagglomeranti assorbono l’acqua in eccesso, altri rendono le molecole idrorepellenti, altri ancora fanno entrambe le cose.

I sali minerali sono essenziali per la vita dell'uomo, perchè contribuiscono alla crescita e allo sviluppo di tessuti e organi. Non possono essere sintetizzati dagli esseri viventi e devono essere assimilati con l'acqua e gli alimenti.

E500 -Carbonati di sodio
Minerali naturali prodotti principalmente a livello industriale. Questi prodotti sono regolatori di acidità, antiagglomeranti ed agenti lievitanti.
Possono essere contenuti in diversi prodotti, come per esempio nel lievito in polvere. Al momento non sono conosciuti effetti collaterali negativi sulla salute dell'uomo.

E501 - Carbonati di potassio
Sali che si sciolgono facilmente in acqua e per questo pronti all’uso e di facile utilizzo. Trovano impiego nel trattamento
disacidificante dei mosti e dei vini.

E503 - Carbonati d'ammonio
Composti ottenuti dal solfato di ammonio (E517) e dal calcio carbonato (E170); sono utilizzati come regolatori di acidità,  supporto di additivi, antiagglomeranti e come agenti lievitanti. Il carbonato di ammonio e il bicarbonato di ammonio possono essere contenuti in diversi prodotti, come per esempio in alcuni dolci.Si presenta sottoforma di Polvere bianca o masse o cristalli duri, bianchi o traslucidi. Diventa opaco dietro esposizione all'aria, trasformandosi alla fine in grumi porosi bianchi o polvere (di bicarbonato di ammonio) a causa della perdita di ammoniaca e anidride carbonica. Solubile in acqua. Al momento non sono conosciuti effetti collaterali negativi sulla salute dell'uomo, fatta eccezione per
la formazione di gas nello stomaco dopo l'ingestione. Irritante per le membrane mucose.
                                                  
E504 - Carbonati di magnesio
Composti ottenuti dall'idrossido di magnesio (E530), utilizzati dall'industria alimentare come regolatori di acidità,  supporto di additivi, antiagglomeranti ed agenti lievitanti. Possono essere contenuti in diversi prodotti, come per esempio nel lievito in polvere. Al momento non sono conosciuti effetti collaterali negativi sulla salute dell'uomo. A concentrazioni elevate hanno un effetto lassativo.

E505 - Carbonato di ferro
Utilizzato come regolatore di acidità, ma è usato soprattutto per arricchire di ferro gli alimenti. Quindi, per la sua funzione, può essere contenuto in alimenti fortificati (vitaminizzati) e preparazioni farmaceutiche, oltre che in altri prodotti. Al momento non sono conosciuti effetti collaterali negativi sulla salute dell'uomo. A concentrazioni elevate ha un effetto lassativo. Non presente sulla Gazzetta Ufficiale UE.

E507 - Acido cloridrico (idroclorico)
Noto anche come cloruro di idrogeno od acido muriatico - è un acido naturale che si ottiene dal sale e dall'acido solforico (E513). Si presenta come un liquido corrosivo trasparente, incolore o leggermente giallastro, con odore pungente. Solubile in acqua e in etanolo, l'acido cloridrico viene utilizzato come additivo per la sua funzione di regolatore di acidità. Può essere contenuto in diversi prodotti, come per esempio formaggi e birra. Al momento non sono conosciuti effetti collaterali negativi sulla salute dell'uomo.

E508 - Cloruro di potassio
E' un sale naturale; è parte del sale marino e dei sali di roccia e viene utilizzato come sostituto del sale. Il cloruro di potassio può essere contenuto in diversi prodotti, per esempio quelli a basso contenuto di sodio (sale iposodico). Viene inoltre utilizzato come fonte di potassio negli integratori alimentari. Al momento non sono conosciuti effetti collaterali negativi sulla salute dell'uomo.
Grandi quantità favoriscono le ulcere gastriche.
                                                        
E509 - Cloruro di calcio
E' un sale naturale che, se usato come additivo alimentare, presenta principalmente due funzioni, quella di essere un regolatore di acidità e quella di migliorare la consistenza di frutta e verdura in scatola. Può essere contenuto in diversi prodotti, come per esempio frutta e verdura in scatola, certi formaggi, olive, diverse bevande alcoliche industriali ecc. E' anche utilizzato come fonte di calcio negli integratori alimentari. Al momento ci sono tesi contrastanti sugli effetti che questo additivo può avere sulla salute dell' uomo: alcuni ricercatori pensano che possa causare dei disturbi al ritmo cardiaco e alla digestione, provocare vomito e nausee; per altri, invece, è innocuo, quindi non presenta effetti collaterali negativi sulla salute dell'uomo. Non essendoci una sicurezza sugli effetti che questo additivo può avere sulla salute dell'uomo, è sconsigliato consumarne alte dosi.

E510 - Cloruro di ammonio
E' un sale naturale, ottenuto industrialmente dall'acido idroclorico (E507) e dall'ammoniaca.
E' un composto usato nel settore alimentare principalmente per la sua funzione di regolatore dell'acidità. Agente lievitante. Può essere presente in diversi prodotti, come per esempio nelle farine e in certi tipi di pane (il suo uso è però limitato dal forte sapore). Dosi elevate di questo additivo possono causare nausea, vomito, reazioni cutanee e anche, nei casi più gravi, effetti nocivi al fegato e ai reni. Può accentuare problemi renali ed epatici. Non presente sulla Gazzetta Ufficiale UE.
                                                      
E511 - Cloruro di magnesio
E' un additivo sintetico, che negli alimenti presenta la funzione di regolatore di acidità. Si presenta sottoforma di scaglie molto deliquescenti o cristalli incolori, inodori. Molto solubile in acqua, il cloruro di magnesio è facilmente solubile anche in etanolo. Può essere contenuto in diversi prodotti, come per esempio le verdure sterilizzate. E' altresì utilizzato come fonte di magnesio negli integratori alimentari. Questo composto può causare anche un effetto lassativo e, nelle persone sensibili,  anche problemi renali.

E512 - Cloruro stannoso
E' un composto ottenuto dai minerali di stagno ed acido idroclorico (E507) (noto anche come acido muriatico, è una soluzione di acido cloridrico HCl ed acqua). Si presenta sottoforma di cristalli incolori o bianchi e può presentare un lieve odore di acido cloridrico. Solubile in etanolo, è solubile in una quantità d'acqua inferiore al proprio peso, ma con una quantità di acqua eccessiva forma un sale basico insolubile. Come additivo alimentare, il cloruro stannoso presenta principalmente una funzione stabilizzante ed antiossidante. Il cloruro stannoso può essere contenuto in diversi prodotti, come per esempio asparagi in barattolo e legumi in scatola. Potrebbe causare, ad alte dosi, nausea e vomito.

E513 - Acido solforico
E' ottenuto dall'anidride solforosa (E220), ossigeno ed acqua. Si presenta sottoforma di liquido oleoso, molto corrosivo, trasparente, incolore o brunastro. Miscibile con acqua, con sviluppo di molto calore, nonché con etanolo. Utilizzato come additivo alimentare, l'acido solforico presenta una funzione di regolatore di acidità. Può essere contenuto in diversi prodotti, come ad esempio birra e prodotti caseari. Al momento ci sono tesi contrastanti sugli effetti che questo additivo può avere sulla salute dell'uomo: alcuni ricercatori pensano che possa essere tossico e molto irritante; altri, invece, lo considerano  innocuo per la salute umana. Quindi, non essendoci una sicurezza sugli effetti che questo additivo può avere sulla salute dell'uomo, è sconsigliato consumarne alte dosi. Vietato in Australia.
                                                             
E514 - Solfati di sodio
Sono ottenuti dal sale e dall'acido solforico (E513). Presentano diverse funzioni: stabilizzante, agente di riempimento, regolatore di acidità e coadiuvante tecnologico sintetico. Può essere contenuto in diversi prodotti, come ad esempio gomme da masticare e coloranti.
Al momento ci sono tesi contrastanti sugli effetti che questi additivi possono avere sull'uomo: alcuni ricercatori pensano che possano avere effetti collaterali nocivi sui reni e sul cuore, e causare anche disturbi digestivi; altri, invece, li considerano  innocui per la salute dell'uomo. Sconsigliati soprattutto per le donne in gravidanza o che allattano, neonati e bambini. Quindi, non essendoci una sicurezza sugli effetti che i solfati di sodio possono avere sulla salute, è sconsigliato consumarne alte dosi.

E515 - Solfato di potassio
Noto anche come Bisolfato di potassio, solfato acido di potassio - è un minerale naturale ottenuto dai sali di potassio e dall'acido solforico (E513). Si presenta sottoforma di cristalli, bianchi deliquescenti, scaglie o granuli. Facilmente solubile in acqua, risulta insolubile in etanolo. Ha una funzione di regolatore di acidità e coadiuvante tecnologico sintetico. Può essere usato come sostitutivo del sale. Può essere impiegato in diversi prodotti e in particolare viene usato nella fabbricazione della birra, di certi liquori, delle bevande zuccherate e nella produzione di alimenti poveri di sodio. Può essere impiegato anche, dall'industria, come fertilizzante e all'interno di alcune medicine. A forte dosaggio, il solfato di potassio potrebbe anche portare ad emorragia intestinale, ma alle comuni dosi di impiego non si conoscono effetti collaterali degni di nota.

E516 - Solfato di calcio
Noto anche come gesso, selenite o anidrite - è un minerale naturale ottenuto dai sali di calcio e dall'acido solforico (E513). Si presenta come una polvere fine, inodore, da bianca a leggermente bianca-giallastra. Leggermente solubile in acqua, insolubile in etanolo. Presenta una funzione di regolatore di acidità e coadiuvante tecnologico chiamato anche “gesso di Parigi”. Tra le varie funzioni, si ricordano quelle nutrienti per i lieviti nel pane, stabilizzanti e chelanti dei metalli. Può essere contenuto in diversi prodotti, come ad esempio certi gelati, nelle creme da spalmare, nella frutta e verdura in scatola, nelle farine, nei vini, nel pane, nei liquori e nelle birre. Può essere incluso anche in alcune preparazioni farmaceutiche e nell'industria per la preparazione del gesso, del cemento e degli insetticidi. A forte dosaggio il solfato di calcio presenta alcuni rischi; infatti potrebbe causare occlusioni intestinali, ma a dosi normali sembra essere innocuo.

E517 - Solfato di ammonio
E' un composto che presenta la funzione di regolatore di acidità, stabilizzante e di supporto per additivi sintetico. Si presenta sottoforma di polvere, placche lucide o frammenti cristallini di colore bianco. Facilmente solubile in acqua, insolubile in etanolo. Il solfato di ammonio viene aggiunto a vari tipi di prodotti alimentari, come prodotti da forno e pasticceri. A dosi massicce potrebbe provocare acidità del sangue e disturbi gastrici.

E518 - Solfato di magnesio
E' un residuo chimico che contiene il magnesio e lo zolfo. E' usato come essiccante. Poiché la forma anidra è igroscopica (assorbe prontamente l'acqua dall'aria) e quindi pesare più duro esattamente, l'idrato è preferito spesso quando prepara le soluzioni, per esempio nelle preparazioni mediche. Lassativo. Non presente sulla Gazzetta Ufficiale UE.
                                                    
E519 - Solfato di rame
E' un sale minerale che si trova naturalmente nella carne, cereali e verdure. Commercialmente viene preparato facendo reagire composti  di rame con acido solforico (E513). Questo produce una serie di composti differenti che vanno dai cristalli blu alle polveri grigio-bianche. Solfato di rame è utilizzato principalmente in agricoltura, nei mangimi per bestiame, e per stimolare la crescita nei suini. Può anche essere usato come integratore minerale nelle formule per bambini. Si trova naturalmente nella carne, cereali e verdure e viene utilizzato principalmente in agricoltura e alimentazione del bestiame. Può anche essere utilizzato nel latte artificiale come integratore minerale. Conservante. Non presente sulla Gazzetta Ufficiale UE.
                                                            
E520 - Solfato d'alluminio
E521 - Solfato di alluminio e sodio.(Regolatore di acidità)
E522 - Solfato di alluminio e potassio
E523 - Solfato di alluminio e ammonio
Sono composti di origine sintetica derivati dall'alluminio. Si presentano sottoforma di cristalli trasparenti o polvere cristallina bianca. Facilmente solubili in acqua, risultano insolubili in etanolo.Vengono usati per promuovere la precipitazione delle proteine, ad esempio durante il processo di produzione della birra. Contribuiscono inoltre a rafforzare la struttura dei vegetali durante la lavorazione. Possono essere contenuti in diversi alimenti come per esempio l'albume d'uovo in polvere, frutta e verdura candite e cristallizzate. Se vengono consumate alte dosi di solfati di alluminio, si potrebbe avere un accumulo di alluminio nell'organismo e problemi a livello renale ed epatico. A dosi normali sembrano, invece, essere innocuo per la salute dell'uomo.

E524 - Idrossido di sodio
Altrimenti noto come soda caustica (NaOH) è un composto con funzione di regolatore di acidità (è un forte alcalinizzante) e coadiuvante tecnologico sintetico. Viene utilizzato per esaltare la sbucciatura industriale dei frutti, per annerire le olive e nella preparazione del caramello. Si presenta sottoforma di grumi, scaglie, bastoncini, masse fuse o altre forme, di colore bianco o quasi bianco. Le soluzioni sono limpide o lievemente torbide, incolori o lievemente colorate, molto caustiche e igroscopiche e, se esposte all'aria, assorbono anidride carbonica, formando carbonato di sodio. Molto solubile in acqua. Facilmente solubile in etanolo. L'idrossido di sodio è un additivo usato soprattutto negli alimenti destinati ai lattanti e ai bambini piccoli, nelle margarine, negli snack al cioccolato, nei gelati, nel cacao in polvere, in certe farine, nei dolci da forno e nelle gelatine. E' considerato spesso un composto innocuo, ma anche qui le ricerche sono contraddittorie, quindi è meglio non consumarne grandi quantitativi. Vietato in Australia.

E525 - Idrossido di potassio
Altrimenti noto come potassa caustica (KOH), è un composto alcalinizzante con funzione di regolatore di acidità e coadiuvante tecnologico sintetico. Si presenta sottoforma di grumi, scaglie, bastoncini, masse fuse o altre forme, di colore bianco o quasi bianco. Molto solubile in acqua. Facilmente solubile in etanolo. L'idrossido di potassio viene utilizzato, ad esempio, per facilitare la sbucciatura industriale della frutta e per rendere più scure le olive. Può essere utilizzato in diversi tipi di prodotti, come per esempio vari tipi di latte per neonati, cioccolato in polvere e derivati del cacao, olive nere, gelati, succo d'uva. Ci sono ipotesi contraddittorie sugli effetti collaterali di questo additivo: alcuni ricercatori sostengono sia innocuo, altri invece che possa provocare sensazioni di bruciore alla bocca, alla gola, allo stomaco fino ad arrivare ad emorragie e malori. Sconsigliato quindi, alla luce di queste ipotesi antitetiche, un consumo eccessivo di idrossido di potassio. Vietato in Australia.

E526 - Idrossido di calcio
Altrimenti noto come calce spenta [Ca(OH)2], è un composto con funzione di regolatore di acidità sintetico. In particolare, trattasi di un forte alcalinizzante. Leggermente solubile in acqua. Insolubile in etanolo. Solubile in glicerolo. Viene utilizzato in piccoli quantitativi in diversi prodotti, come per esempio nel latte per neonati, nel vino, nelle birre, nei liquori, nei gelati, nei piselli in scatola e nel succo d'uva. Una soluzione di idrossido di calcio può essere utilizzata per conservare più a lungo le uova. Una soluzione di idrossido di calcio e zucchero (1:3) viene usata per regolare l'acidità negli alimenti congelati. Trova inoltre applicazione per rinforzare la struttura dei vegetali durante la lavorazione. Viene anche utilizzato dall'industria nella fabbricazione del gesso, del cemento e di altri materiali edilizi. Al momento non si conoscono effetti collaterali negativi sulla salute dell'uomo. Vietato in Australia

E527 - Idrossido d'ammonio
Altrimenti noto come Idrato ammonico, è un additivo che deriva dal gas dell'ammoniaca. Si presenta come una soluzione limpida, incolore, con un caratteristico odore molto pungente. Principalmente, presenta la funzione di regolatore di acidità di origine sintetica (è un forte agente alcalinizzante). Viene inoltre usato nella produzione del caramello. È utilizzato in diversi prodotti e in particolare, a piccole dosi, viene impiegato in certi tipi di cioccolato, di latte aromatizzato al cioccolato, di gelatine ed altro. Se assunto in dosi elevate, potrebbe causare reazioni cutanee, disturbi digestivi e sanguigni. Vietato in Australia.

E528 - Idrossido di magnesio
E' un composto usato come additivo alimentare per la sua funzione di regolatore di acidità; in particolare, trattasi di un additivo fortemente alcalinizzante. Viene utilizzato nella produzione del formaggio per migliorare la cagliata e come stabilizzante delle verdure durante l'inscatolamento. Può essere contenuto in diversi alimenti, come formaggi e vegetali in scatola. Si presenta sottoforma di polvere grossolana bianca, inodore, praticamente insolubile in acqua e in etanolo. Questo composto viene utilizzato anche in campo medico per curare certe patologie (es. Maalox). Al momento non si conoscono effetti collaterali negativi sull'uomo, quindi questo additivo è ritenuto innocuo. Ad alte dosi produce un noto effetto lassativo. Vietato in Australia.

E529 - Ossido di calcio
Altrimenti noto come calce viva, è un composto di derivazione calcarea. Si presenta come masse bianche di granuli inodori, duri, o polvere da bianca a grigia. Principalmente presenta la funzione di regolatore di acidità sintetico. L'ossido di calcio viene utilizzato anche nella fabbricazione dello zucchero per rimuovere le impurità, in prodotti da forno come stabilizzante e nutriente per lievito. Inoltre, viene utilizzato nella preparazione delle budella per insaccati. Può essere impiegato in diversi alimenti, come per esempio in alcuni gelati, nelle birre, nei liquori, ecc. Nel campo dell'industria, può essere anche usato nella fabbricazione dei mattoni, degli insetticidi ecc. Attenzione: un contatto diretto con questo additivo può provocare danni importanti alla pelle e alle mucose, e può avere effetti molto corrosivi una volta diluito in acqua, dove si trasforma in idrossido di calcio. Vietato in Australia.

E530 - Ossido di magnesio
E' un prodotto derivato dal surriscaldamento del carbonato di magnesio. La sua funzione principale è quella di regolatore di acidità, oltre a risultare utile per l'effetto antiagglomerante. Può essere impiegato in diversi prodotti, come per esempio alcuni gelati e preparati in polvere (evita la formazione di grumi). Può essere anche utilizzato in medicina per combattere l'acidità di stomaco (es. Maalox, Magnesia). Al momento non si conoscono effetti collaterali negativi per la salute dell'uomo, anche se le ricerche sono contraddittorie. In alte concentrazioni, il magnesio può avere un effetto lassativo. Vietato in Australia.

E535 - Ferrocianuro di sodio
E536 - Ferrocianuro di potassio (Aggiunto al sale da cucina per impedire la formazione di grumi)
Questi due additivi sono prodotti chimicamente e hanno funzione antiagglomerante, stabilizzante e chelante di metalli. Il ferrocianuro di potassio si presenta sottoforma di cristalli giallo limone, mentre il ferrocianuro di sodio si presenta sottoforma di cristalli o polvere cristallina di colore giallo. Possono essere impiegati in alcuni prodotti, come per esempio nel sale da cucina e nei prodotti sostitutivi del sale. Nel vino possono essere utilizzati per rimuovere il rame, utilizzato come fungicida nei vigneti. Queste sostanze sono tossiche se assunte allo stato puro, ma nelle dosi consentite non hanno effetti collaterali negativi sulla salute dell'uomo. Per questo sono autorizzate a piccole dosi.
                                              
E537 - Esa-ferro cianuro di manganato
E' un composto nero spesso usato come un integratore di ferro.(non ho trovato altre notizie). Non presente sulla Gazzetta Ufficiale UE.

E538 - Ferrocianuro di calcio
Altrimenti noto come esacianoferrato di calcio, è un prodotto di origine sintetica usato come additivo per prevenire la formazione di grumi nel sale da cucina e nei sostitutivi del sale. Ha quindi una funzione antiagglomerante. Si presenta sottoforma di cristalli o polvere cristallina di colore giallo. E' importante sottolineare che a dosi molto basse non è nocivo, mentre l'assunzione della sostanza pura risulta particolarmente tossica.

E539 - Tio-solfato di sodio
E' un composto chimico che viene commercialmente prodotto da rifiuti liquidi di solfuro di sodio. Può anche essere preparato riscaldando una soluzione acquosa di solfito di sodio con zolfo. Questo produce un composto incolore cristallino che è molto solubile in acqua, e viene utilizzato come agente anti-imbrunimento, antiossidante. Si trova in patate, e prodotti di patate. Antiossidante. Non presente sulla Gazzetta Ufficiale UE.

E540 - Polifosfati
Sono i sali di sodio, potassio, calcio e ammonio con fosfati. Questi sono tutti prodotti sinteticamente dai loro rispettivi carbonati e acido fosforico, per produrre un sale minerale che viene utilizzato come stabilizzante, regolatore di acidità, sequestrante, e emulsionante negli alimenti. Inoltre, viene utilizzato per aiutare a trattenere l'acqua durante la lavorazione. Usati in miscele torte, pasta e salse istantanee, barrette di muesli, gelati e zuppe istantanee. Agenti lievitanti, regolatori di acidità, emulsionanti. (Non presente sulla Gazzetta Ufficiale UE.)

E541 - Fosfato acido di sodio e alluminio (nessuna notizia)
Vietati in Australia.

E542 - Fosfato di ossa edule
E' un additivo derivato dai resti delle ossa delle carcasse di animali macellati, come mucche e maiali. Il fosfato d'ossa può essere utilizzato come antiagglomerante, ma anche come fonte di fosforo negli integratori alimentari. L'uso principale è nel settore cosmetico, dove viene utilizzato per esempio in alcuni dentifrici. E' un additivo poco citato, ma bisogna porre attenzione alla sua presenza poiché, date le sue origini,  ci potrebbe essere il rischio di trasmissione del “morbo della mucca pazza”. In alte dosi, il fosfato d'ossa diminuisce l'assorbimento del calcio alimentare. L'origine di tale additivo lo rende inadatto al consumo da parte di persone che abbracciano pensieri o religioni come la dieta vegana, l'ebraismo, l'islam o l'induismo. Persone vegetariane, vegane, mussumlmane, ebree o Indù dovrebbero astenersi dal consumare tale additivo. Non presente sulla Gazzetta Ufficiale UE.

E544 - Calcio polifosfato. (Non presente sulla Gazzetta Ufficiale UE.)
E545 - Ammonio polifosfato
Sono additivi usati in generale per aumentare la massa alimentare di alcuni cibi, come le carni e i salumi venduti a peso o alcuni formaggi. Presentano funzioni emulsionanti e stabilizzanti. Il consumo di dosi elevate di tali additivi può comportare alcuni rischi per la salute dell'uomo come per esempio disturbi digestivi, reazioni allergiche, ecc. Vietati in Australia. Non presente sulla Gazzetta Ufficiale UE.

E551 - Biossido di silicio
E' una sostanza amorfa che viene prodotta sinteticamente mediante un processo di idrolisi in fase vapore, che dà silice pirogenica, o mediante un processo a umido che dà silice precipitata, gel di silice o silice idrata. La silice pirogenica viene prodotta essenzialmente in uno stato anidro, mentre i prodotti del processo a umido si ottengono come idrati o contengono acqua assorbita in superficie. Il diossido di silicio è un additivo che presenta diverse funzioni: antiagglomerante, supporto per aromi, coloranti e coadiuvante tecnologico sintetico (agente antischiuma, utilizzato anche per rimuovere proteine e lieviti durante la produzione del vino e della birra). Il diossido di silicio può essere impiegato in diversi alimenti, come per esempio le minestre in busta, nel sale da tavola, nella vaniglia, nell'aglio in polvere, nelle gomme da masticare e in certi tipi di riso bianco. Al momento tale additivo viene considerato innocuo per la salute dell'uomo.

E552 - Silicato di calcio
E553a - Silicato di magnesio. Vietato in Australia.
E553b - Talco
Composti che presentano funzione antiagglomerante, eccipiente e di supporto per aromi e coloranti.
Possono essere contenuti in diversi prodotti, come per esempio riso, cioccolato, pasticceria, gomme da masticare, sale da cucina, sostitutivi del pane, formaggi, integratori, e in alcuni dolci perché fungono da agenti distaccante.
Al momento ci sono tesi contrastanti sugli effetti che questi additivi possono avere sulla salute dell'uomo: alcuni ricercatori pensano che possa esserci una contaminazione del prodotto con l'amianto e ciò potrebbe rappresentare un rischio per i polmoni (a seguito di eventuali inalazioni del talco con l'amianto); altri ricercatori, invece, lo considerano  innocuo per la salute dell'uomo in quanto non assorbito dall'organismo.
Al momento, viste le diverse ipotesi sugli effetti di questo additivo, si stanno effettuando ricerche più approfondite. Possibile effetto cancerogeno sullo stomaco.

E554 - Silicato di sodio e alluminio
E555 - Silicato di potassio e alluminio
E556 - Silicato di calcio e allumino
Composti prodotti chimicamente con funzione antiagglomerante, eccipiente e di supporto per aromi e coloranti. Possono essere contenuti in diversi prodotti alimentari. Al momento ci sono tesi contrastanti sugli effetti che questi additivi possono avere sulla salute dell' uomo: alcuni ricercatori sconsigliano la sua assunzione soprattutto alle donne in gravidanza per gli eventuali problemi che si potrebbero verificare alla placenta a causa del quantitativo di alluminio contenuto all'interno delgli additivi; altri ricercatori, invece, considerano innocui questi additivi per la salute dell'uomo in quanto non assorbiti dall'organismo. Quindi, viste le ipotesi contrastanti, si sconsiglia il consumo frequente (soprattutto se si è in una delle fasce a rischio).

E557 - Silicato di zinco.
Viene utilizzato come antiagglomerante Generalmente aggiunti agli alimenti in polvere per evitare grumi e lasciare fluire anche quando viene miscelato o versato. in alimenti, anche se raramente usato, e il suo uso è limitato.Non presente sulla Gazzetta Ufficiale UE.

E558 - Bentonite
E' un composto di origine naturale derivato dalla roccia vulcanica. Presenta una funzione antiagglomerante ed emulsionante; è un coadiuvante tecnologico di supporto per coloranti e può essere usato come agente chiarificante nella produzione dei succhi di frutta. La bentonite può essere contenuta in diversi prodotti: succhi di frutta, aromi. Gli utilizzi principali si riconoscono nel settore cosmetico. Al momento non sono conosciuti effetti collaterali negativi della bentonite sulla salute dell'uomo.

E559 - Silicato di alluminio (caolino)
E' un additivo di origine naturale con funzione antiagglomerante, eccipiente, anticalcare e di supporto per aromi. Può essere contenuto in diversi alimenti, come caffè istantaneo, latte in polvere e aromi. I maggiori utilizzi, comunque, si registrano nel settore cosmetico e farmaceutico (antiacidi, antidiarroici). Il caolino viene considerato un additivo innocuo, anche se all'interno si registra la presenza dell'alluminio.

E570 - Acidi grassi (incluso miristico, stearico, palmitico e oleico), stearato butile
Presente in natura, è uno dei più comuni acidi grassi a catena lunga, che si trova in forma combinata con altri acidi a catena lunga, in grassi vegetali e, più abbondantemente, grassi animali, anche se la produzione commerciale è normalmente sintetico. Usato come antiagglomerante senza problemi noti.Vegetariani attenti, anche se improbabile, può essere di origine animale.
                  
E572 - Sali di magnesio degli acidi grassi (incluso stearato di magnesio); stearato di calcio
Preparato sinteticamente da acido stearico ( E570 ).Usato come antiagglomerante ed emulsionante senza problemi noti come additivo alimentare.Vegetariani attenti, anche se improbabile, può essere di origine animale.Non presente sulla Gazzetta Ufficiale UE.
      
E574 - Acido gluconico
E' un composto naturale che si trova nella frutta, miele, tè e vino. Può anche essere prodotto dalla fermentazione del glucosio con alcune muffe. Essa produce cristalli incolori che sono molto solubili in acqua. E' usato come un regolatore di acidità nei cibi. Usato in frutta ed ortaggi trasformati, bevande analcoliche, dolci, latticini, e birra, miele,  tè e vino.

E575 - Gluconedeltalattone
E' un estere di acido gluconico naturale (E574), che è formato dalla fermentazione del glucosio. Questo processo avviene per evaporazione, e produce una polvere cristallina bianca, inodore, che viene utilizzata in alimenti come un regolatore di acidità e agente lievitante. Può anche essere utilizzato per aggiungere un sapore piccante agli alimenti e come dolcificante artificiale di base. Usato in salsicce, pesce in scatola e crostacei, ortaggi trasformati, salumi, formaggi, e il lievito. Non tossico.

E576 - Gluconato di sodio
E' il sale sodico di acido gluconico (E574), prodotto dalla fermentazione del glucosio. Si tratta di un bianco a bruno chiaro, da granulare a fine polvere cristallina, molto solubile in acqua. Non corrosivo, non tossico e facilmente biodegradabile (98% dopo 2 giorni), gluconato di sodio è sempre più apprezzato come agente chelante.

E577 - Gluconato di potassio
E' il sale di potassio dell'acido gluconico (E574), che è ottenuto dal glucosio da fermentazione e successiva neutralizzazione con una fonte di potassio. Fisiologicamente, l'acido gluconico è un importante prodotto intermedio del metabolismo dei carboidrati. E' consigliato per introdurre o arricchire di potassio negli alimenti, soprattutto in alimenti dietetici. Inoltre il prodotto agisce come un sale tampone e come sostituto del sale di prodotti alimentari in cui sali di sodio non sono desiderati.

E578 - Gluconato di calcio
E' il sale di calcio di acido gluconico (E574), che è un composto naturale che si trova nella frutta, miele, tè e vino. Può anche essere prodotto dalla fermentazione del glucosio con alcune muffe, per produrre cristalli incolori che sono molto solubili in acqua. È usato come agente rassodante, tampone, sequestrante, regolatore di acidità, base dolcificante artificiale, e come un integratore minerale nei cibi. Usato in integratori alimentari, carni trasformate, edulcoranti da tavola, prodotti da forno, pastelle, cereali da colazione ecc. In farmaceutica, è ampiamente usato come fonte di calcio con ottima biodisponibilità. In alimenti e bevande, ha straordinarie caratteristiche: unisce elevata solubilità e sapore neutro da piombo a nuove applicazioni in una vasta gamma di prodotti.

E579 - Gluconato ferroso
In genere non è nocivo ma che comunque può creare dell'intolleranze nei soggetti sensibili. Nelle olive nere, la sua funzione è di mantenere il colore delle olive.

E585 - Lattato ferroso
Vegetariani attenzione - può essere di origine animale. È un regolatore di acidità e un agente di ritegno di colore ed inoltre è usato per fortificare gli alimenti con ferro. (Non ho trovato altre notizie)

E586 - Esilresorcinolo
Si trova in crostacei freschi, congelati e surgelati. Può provocare reazioni allergiche o d’intolleranza. Nelle cavie: danni ai reni, alopecia, disturbi della fertilità, interferenza con gli estrogeni. Questo additivo è dotato di una certa tossicità, per cui la stessa Autorità che ha dato parere favorevole al suo impiego, paventa il rischio che un consumatore che consumi  crostacei abitualmente ed in abbondanza, possa ingerirne una quantità che superi la soglia di sicurezza.