Google Analytics

di Maria Silvana Radice





Collegare il proprio sito a Google analytics e` fondamentale per qualunque webmaster. Google analytics fornisce tutti i dati relativi al traffico del sito, sia in tempo reale che come storico, nonche` un'infinita` di strumenti utili al controllo, al monitoraggio e all'ottimizzazione.
Google sites offre lo strumento per il collegamento automatico del sito a Google analytics e potete leggere la procedura piu` sotto, ma per mettersi al sicuro dallo spam, e` necessario intraprendere alcune azioni importanti. Anche di questo vi parlero` in questa guida..

Come collegare un sito Google a Google Analytics:

Procedete così: in altro->gestisci sito->generale, mettete la spunta su "abilita Google Analytics", poi, accedete a Google Analytics col vostro account Google (lo stesso del vostro sito) e da "Amministrazione", aggiungete il vostro account (cioè il vostro sito) al programma. Vi verrà fornito un numero di tracciamento ID, nel formato "UA-XXXXXXXX-X", denominato "ID di proprietà Web di Google Analytics", che dovrete inserire nel sito, andando in menu`->gestisci sito->generale e scorrendo verso il basso, nell'apposita casella.

ATTENZIONE: Se doveste avere problemi nel caricare l'ID di Analytics (il processo di salvataggio continua a girare senza concludersi) digitate il codice invece di incollarlo e verrà accettato.


Da questo momento in poi, il vostro sito sarà monitorato da Google Analytics.


Per chi possiede uno smartphone con sistema operativo Android, vorrei segnalare l'applicazione Google analytics, che permette  di monitorare il sito, 24 ore su 24, dal proprio cellulare.

Che cosa sono i referrer spammers:

Un referrer e` l'URL della fonte da cui un utente è arrivato sulle vostre pagine.
Questo referrer puo` essere modificato da persone che vogliono aumentare il traffico su determinati siti.
Questo si chiama referrer spam.

I nuovi referrer spammer vengono chiamati "Ghost", perche` non si trovano realmente nel vostro sito, ma, semplicemente, utilizzano il vostro ID di monitoraggio inserendolo in pagine che non vi appartengono. Tutto avviene in automatico, tramite software "random" che fanno girare combinazioni di numeri casuali e quando trovano un ID attivo e funzionante lo utilizzano senza nemmeno sapere a quale sito appartenga.

Cosa ci guadagnano? In che modo aumentano il traffico su altri siti? Semplicemente con i click degli stessi webmaster che, incuriositi da quegli indirizzi sconosciuti e sospetti, vanno a vedere di che si tratta. E chi non lo farebbe?


Il problema e` che ne viene un danno anche a voi, perche` i referrer spammmers sfalsano i dati di navigazione, anche in maniera significativa, se non vengono bloccati.

Se accedete al vostro account analytics e andate in pubblico->tecnologia->rete->nome host, troverete tutta la lista dei referrer che lavorano sotto il nome del vostro sito.




Di questi, probabilmente, solo una minima parte vi appartengono.
Qui sotto potete vedere la lista dei referrer che erano presenti nei miai dati prima che creassi i filtri. Gli unici "regolari" erano quelli spuntati in verde. Tutti gli altri, anche se con nomi attraenti tipo google.com, erano clandestini. Lo spam si maschera sempre con nomi che ricordano quelli di uso comune.
C'e` da spaventarsi, non e` vero?






Potete trovare una spiegazione piu` dettagliata, riguardo ai referrer spammer, andando a questo indirizzo: http://blog.analytics-toolkit.com/2015/guide-referrer-spam-google-analytics

Come difendersi dai referrer spammers:

Premessa: do per scontato che stiate usando "Universal analytics".

La prima cosa che dovete fare e` andare in amministrazione->vista->impostazioni vista e mettere questa spunta....




Questo e` il filtro "automatico" di  Google Analytics che blocca i referrer spammers piu` conosciuti.
​Fatto questo, viene la cosa un po' piu` complicata. State tranquilli, comunque, che qualunque azione e` annullabile e ripetibile in caso di errori o ripensamenti.
Google analytics permette la creazione di filtri e questi filtri possono essere di esclusione, o di inclusione.
I filtri di esclusione servono ad escludere dal monitoraggio dei percorsi specifici.
I filtri di inclusione operano esattamente all'opposto; includono, cioe`, solo i percorsi che voi scegliete.
Nel caso di questi "ghost", il filtro di esclusione ha un potere solo momentaneo, perche` blocca lo spam che avete identificato, ma dovreste creare nuovi filtri, in continuazione, per ogni nuovo intrusio che si propone.
Molto piu` utile, quindi, un filtro di inclusione.
Per creare questo filtro, devete andare in amministrazione->vista->filtri e cliccare su: Nuovo filtro.
Lo dovete impostare in questo modo:






Naturalmente, potete mettere il nome che preferite nel campo "Nome filtro".
Nel campo "Pattern", devete inserire il nome degli host che volete includere.
Il nome corrisponde esattamente a quello che avete trovato nella lista dei referrer (pubblico->tecnologia->rete->
nome host). Chiaro, che dalla lista devete prendere solo quelli autorizzati da voi.

Vi mostro quali nomi, di base, vanno inclusi per Google sites:

www.lachiavenelpozzo.com
sites.google.com
translate.googleusercontent.com
webcache.googleusercontent.com

Questi sono "obbligatori".
Il primo deve corrispondere, se lo avete, al vostro dominio di secondo livello (nell'esempio e` il mio).
Il secondo corrisponde all'host di Google sites.
Il terzo e il quarto, se non compaiono nella vostra lista, li devete aggiungere, perche` corrispondono alla traduzione del sito e alla cache di google.
 
I titoli da includere vanno inseriti in una maniera specifica e cioe` in questo modo....

www.lachiavenelpozzo.com|sites.google.com|translate.googleusercontent.com|webcache.googleusercontent.com

....vale a dire con una barra verticale tra uno e l'altro e in linea, senza spazi. La linea verticale non va messa ne` all'inizio, ne` alla fine, o non funzionera`.
Se, un domani, voi voleste aggiungere un nuovo host (Es: www.youtube.com), potrete metterlo di seguito a questi.

Prima di salvare, potete cliccare su "Verifica filtro" per vedere il risultato. Questa azione potete compierla solo prima di salvare, se lo farete dopo, vi dara` errore.
Il risultato del filtraggio potrebbe non essere immediato, ma necessitare di un paio di giorni,
Quando ricontrollerete la vostra lista dei referrer, sara` un po' cambiata..
Specifico che, nella lista, non compariranno tutti quelli che avete autorizzato, ma solo quelli effettivamente attivi, cioe` che staranno lavorando in quel momento.





Aiuta il sito! Condividi questa pagina su:
 Facebook   twitter  Google   Linked  in    

Ti e` stato utile questo argomento?